sabato 15 maggio 2010

Tata Asdrubala - La posta di Carlo Rossella




Pronto Intervento Tata


Tata Asdrubala risolve i tuoi problemi di genitore incapace



Cari amici,
I miei pressanti impegni presso le buone famiglie italiane mi tengono a lungo lontana da voi, ma per fortuna esiste la stampa, con le sue interessanti rubriche, a darmi linfa vitale ed il giusto carburante affinchè questo contatto non si spezzi. Stavolta devo ringraziare il fondamentale magazine Chi, ed il suo illuminato direttore Alfonso Signorini, perchè grazie alla rubrica delle lettere del grande Carlo Rossella del 19 maggio posso esprimere nuovamente la mia qualificata opinione e fare il giusto controcanto alle sapide risposte del tenutario della posta del cuore.


LETTERA - Dottore Gentilissimo, non ho avuto una buona educazione. Mi muovo male con le regole del galateo, con posate e bicchieri. Fino a poco tempo fa non ho mai avuto problemi: fast food e via. Ma ora sono fidanzata con un aristocratico attempato, ma ricco e chic. Ogni volta che commetto errori si arrabbia. E non mi dice come devo fare. Emily, Roma.
ROSSELLA - Cara Emily, questo signore è un egoista più che un aristocratico. Dovrebbe aiutarti, essere il tuo Pigmalione, e invece ti lascia in mezzo al tavolo fra bicchieri e posate. Comprati un libro di bon ton, esercitati e studia. E quando sarai perfetta mandalo a quel paese, sbucciando una pera con coltello e forchetta. Un esercizio molto difficile per chi non ha avuto un'aristocratica educazione.
TATA - Cara Emily, risparmia i soldi del libro, che tanto non lo capiresti. Se un ricco vecchio incartapecorito si mette con una ragazzotta ignorante come una capra ed incapace anche di stare a tavola non è per generosità ma perchè si aspetta altro che educazione e bon ton. Continua a fargli pompini da urlo e non avrai problemi, ma almeno fatti intestare un appartamentino, che alla sua età ogni botta può essere l'ultima.

LETTERA - Carlissimo, sono ateo e ho tradito mia moglie con la cameriera moldava del mio vicino di casa, un single che va a messa tutte le mattine. Ma ieri sera ho scoperto che la ragazza se la fa anche con lui: li ho visti baciarsi sul balcone. Devo confessarti che sono geloso, che soffro per questa bella figliola. Tu nei miei panni che cosa faresti? Roberto, Bologna
ROSSELLA - Nulla. Ti sei inguaiato. Soffri in silenzio e guarda le tue corna allo specchio. Vedrai che sono lucide, come le tue lacrime di playboy offeso nell'onore. Comunque le persone devote hanno una marcia in più.
TATA - Che condominio interessante! Però non capisco il motivo per cui specifichi che tu sei ateo e lui è credente, forse non riesci a credere che un cattolico possa scopare al di fuori del matrimonio? Beh, lo fanno i preti, figurati i single. O è tutta una menata perchè il buon Rossella potesse far capire che gli atei tradiscono il coniuge mentre i credenti sono furbi e vincenti, come la sua chiusa vuole far pensare? In ogni caso, una lettera che comincia con Carlissimo è scritta o da un demente o dal compiaciuto autore della risposta.

LETTERA - Caro Carlo, il mio ragazzo è evangelista e io sono cattolica. Dopo quasi un anno che stiamo insieme si è reso conto che vuole al suo fianco una ragazza che abbia il suo stesso credo. Secondo te da cosa nasce questa suo nuova consapevolezza? La diversità di religione può compromettere il nostro rapporto? Zahira, Sicilia
ROSSELLA - Zahira mia, cercati un altro ragazzo. Questo "evangelista", come lo chiami tu, mi sembra un gran rompiballe.
TATA - Zahira sua, confermi un mio vecchio pensiero: voi credenti teisti, di qualunque religione, siete degli scassacazzi, predicate amore e fratellanza ma siete incapaci anche di andare d'accordo tra di voi. Appena inventeranno la macchina del tempo fate un salto nel medioevo, vi troverete benone lì.


(15/5/2010)

3 commenti:

sam ha detto...

Che poi, Tata Asdrubala potrebbe anche andar bene come nome per Rossella.

Saamaya ha detto...

Tata, dimmi che non è vero che esistono simili lettere pubblicate su alcun giornale!

Quanto alla saggezza pedagogica diretta alla prima giovane perduta e sprovveduta, mi sei sembrata un po' troppo diretta: non vorrei che Anemone se la prendesse a male per la concorrenza nell'elargire attici e mansarde con ben altri servigi.

Prendo sempre scrupolosi appunti, comunque, per tutti i casi umani...

rossana ha detto...

Ciao tata, è ovvio che queste lettere la ha scritte lo stesso Carlissimo, per quanto il resto se nel 2010 la gente non ha capito che la religione è solo fantasia pilotata da una masnada di mascalzoni vuol dire che siamo tornati nel medioevo!!!