giovedì 18 febbraio 2010

Un bel calendario sul fascismo, finalmente!


Il bel signore che potete vedere della foto sopra è Luigi Celori, candidato alla Regione Lazio per il partito dell'amore. Celori sta facendo discutere perchè circola un calendario promozionale, a sostegno della sua candidatura, dedicato a Benito Mussolini ed ai suoi gloriosi anni di governo. Il candidato, una volta scoppiato il fattaccio, ha cercato di minimizzare e di scaricare le responsabilità su ipotetici amici innominabili. Non tema Celori, in Italia (meno male che Silvio c'è...) il reato di apologia del fascismo è stato dimenticato. Persino l'applicazione iMussolini per iPhone è stata rimossa non per il reato suddetto ma solo perchè usava filmati dell'istituo Luce senza i relativi permessi. Nelle edicole di tutto il paese si possono trovare ben esposti calendari col grugno del dittatore Mussolini ben in evidenza. Una volta ci si masturbava coi calendari di Sabrina Ferilli o Alessia Marcuzzi; a destra, dove sono ben posizionati solo uomini tutti d'un pezzo, preferiscono il torace bianchiccio e la panza a botte di Mussolini per i propri turbamenti nell'intimità del bagno. Liberissimi di farlo, non contesto le loro esigenze.

L'unica cosa sulla quale ho da ridire, semmai, è che il calendario di Celori, come tutti gli altri che circolano in Italia, peccano d'incompletezza. Per questo mi permetto di suggerire alcuni scatti che potrebbero arricchire le future edizioni dei loro lunari.

GENNAIO
Nel mese dei saldi potrebbe giovare per esempio ricordare ai commercianti che non sono tenuti a vendere la propria merce a chiunque: ebrei, rom, negher, froci, possono anche restare fuori dalla porta a salivare sulle vetrine.

FEBBRAIO
In uno dei mesi più freddi può scaldare il cuore ricordare che i sinistri oppositori del Duce non avevano vita facile, e che spesso non avevano affatto vita, non come oggi che la mollezza dei tempi permette loro persino di fare i bagni di mare a Capalbio e, in febbraio, di andare a Sanremo con le pargole. Può giovare riportare i ritratti di Antonio Gramsci e di Giacomo Matteotti.

MARZO
Con l'arrivo della primavera il fascista perfetto, tra libro e moschetto, ricomincia le attività all'aperto per tonificare corpo e spirito. Una delle iniziative più operose era quella di far visita agli oppositori del regime. All'uopo ricordiamo la Camera Confederale del Lavoro di Bologna, visitata da una comitiva di camerati sulla via del ritorno della pasquetta fuori porta.

APRILE
Aprile dolce dormire. Ma l'indomito fascista non dorme, checchè! Anzi persegue le attività che più lo esaltano. Per esempio far visita alla Casa del Popolo di Carlasco Lomellina.

MAGGIO
Maggio, il mese delle rose. Ma il fascista perfetto non è una mammoletta e l'unico fiore che coglie è quello della femmina subalterna e prona (o supina) ai desideri del virile e rude camerata. La stessa famiglia Mussolini offre la sua quota di femminilità alla Causa!

GIUGNO
Come ricordato dal Presidente Berlusconi ("Mussolini gli oppositori li mandava in villeggiatura"), con l'arrivo della stagione calda i fasci di combattimento hanno predisposto salubri colonie estive per i figli della lupa ma soprattutto, e qui sta la bontà del nostro Duce, per gli sporchi disfattisti. Nella foto un esempio di villaggio vacanze italiano, molto più accogliente e confortevole dei rudi campi dell'alleato germanico.

LUGLIO
Per le vacanze il Duce ha fatto costruire stabilimenti balneari, invidia di tutto il mondo civile, provvisti di cabine in legno, rinfrescanti e senza concessioni alla vanità. Quelle per gli ebrei erano provviste di ruote: potevano essere agganciate direttamente a locomotive e trasportate in Germania o in Polonia, per proficui scambi culturali.

AGOSTO
I figli della Lupa che ad agosto rientravano dalle confortevoli campagne nordeuropee, temprati nel fisico, diventavano l'invidia dei polentoni che avevano preferito restare tra i confini della Patria: una efficace dieta a base di duro e virile lavoro è il miglior rimedio contro le mollezze di una vita decadente.

SETTEMBRE
Alla riapertura delle scuole ritornano sui banchi i concetti di Dio, Patria, Famiglia. Ai giovani virgulti, futuri dirigenti degli anni ruggenti, si somministrano edificanti letture che seminano idee positive.

OTTOBRE
Il Duce non insegna solo alle giovani leve ma anche ai già formati genitori. Il concetto è il non attaccamento alle cose terrene, l'esaltazione dello spirito di sacrificio e dell'amor patrio. Come testimonianza d'affetto e di abnegazione chiede il sacrificio della rinuncia al rame e all'oro. Qui si fa l'Italia, mica pugnette!

NOVEMBRE
Il sacrificio è investimento. Il Duce promette che l'offerta elargita spontaneamente tornerà indietro decuplicata: nostri saranno i possedimenti nordafricani, ma anche le ricchezze delle plutocrazie occidentali: prenderemo il the a Trafalgar Square e passeggeremo addentando croccantini alla nocciola sugli Champs-Elysée. Vincere! E vinceremo!

DICEMBRE
Vabbè, non abbiamo vinto, stavolta è andata male, ma l'importante non è vincere quanto piuttosto trovare sempre nuovi coglioni che credano alle nostre stronzate e si facciano inturgidire l'uccello con l'epica dell'italianità forte, col disprezzo del diverso, con l'unità verso una minaccia inesistente ma incombente. In questo modo possiamo produrre leggi speciali che ci consentano di fare il nostro comodo, arricchendoci come dannati, e lasciando i poveracci sempre più col culo per terra. Per fortuna in Italia il materiale non manca. Decerebrati disposti a credere a qualunque pagliacciata nascono ogni giorno. La prossima volta, promettiamo, Vinceremo!

(18/2/2010)

15 commenti:

Graziano ha detto...

Idiozia senza limiti, inoltre chi non persegue per legge qs individui è altrettanto colpevole.
Un saluto.

Ragno ha detto...

pessima idea il calendario fascista...pessima...
però perché, fra le tue proposte, ci sono mesi dedicati al nazismo? avessi trovato Irene Pivetti a metà del calendario della Canalis, avresti sentito le mie imprecazioni forti e chiare...

sam ha detto...

Mi farà piacere seguirti!

Ernest ha detto...

Si quello che proponi è decisamente completo. Per il cervello del futuro consigliere direi che non c'è niente da fare.
un saluto

SCIUSCIA ha detto...

Mi raccomando, votiamoli in massa.

Michael Grimaldi ha detto...

@ Graziano - i giudici che non se ne occupano sono correi, non ci sono altre possibilità. Meno male che sono tutte toghe rosse.
@ Ragno - non sono mesi dedicati al nazismo ma alle "forniture" che i bravi fascisti (italiani prima, repubblichini di Salò dopo) hanno gentilmente inviato all'alleato germanico.
@ Sam - piacere mio ri-trovarti, visto che quando avevo un nick diverso già ci frequentavamo, blogghisticamente (che brutto termine!) parlando
@ Ernest - più che il suo mi preoccupano i cervelli di chi segue queste persone
@ Sciuscia - non vedo l'ora, la tessera elettorale freme d'impazienza

Irnerio ha detto...

Condivido la risposta a Ragno.
Chi ci dice che i soggetti/oggetti scheletriti (senza offesa né ironia... ci mancherebbe) fotografati non fossero anche sulla nera coscienza degli zelanti fascisti?

Ottimo e "orripilante" qb (e avanza) Michael!

(Fremo anch'io d'impaziente attesa per gli inc..isivi contributi dei "soliti ignoti".)

magocamillo ha detto...

Per il mese di Maggio, accettiamo l'offerta.
Con tempi che corrono, meglio scherzare che finire al confino..!!

Marisa ha detto...

voglio scappare via dall'Italia...non ne posso più!!!!

Zio Scriba ha detto...

Questo signor Celori mi pare la conferma vivente del fatto che la fisiognomica è (quasi) una scienza esatta. Se avessi una faccia simile, sul manifesto elettorale ci metterei qualsiasi altra parte del corpo. Qualsiasi. Ma non quella faccia.
Sul nefasto maialetto di Predappio, e sulle latrine che ancora lo idolatrano, no comment...

Ragno ha detto...

Quindi gli inglesi sono colpevoli della bomba atomica su Hiroshima in quanto alleati con gli USA?

PS: magari la Pivetti è la Canalis dopo un incidente terribile...chi lo sa...

PPS:Chi ci dice che i soggetti/oggetti scheletriti [...] fotografati non fossero anche sulla nera coscienza degli zelanti fascisti?
E chi ci dice il contrario?

cristiana ha detto...

Hai superato te stesso.Mai avevo visto Mussolini giustiziato e , se fossi capace, ci metterei un'altra faccia e ne farei dei manifesti.
Cristiana

yari matta ha detto...

Quando ho "scoperto" il tuo spazio non credevo ai miei occhi!
Sei un raro esempio di denuncia intelligente.Ora vado a lezione,presto torno a trovarti.
Saluti

yari matta ha detto...

Quando ho "scoperto" il tuo spazio non credevo ai miei occhi!
Sei un raro esempio di denuncia intelligente.Ora vado a lezione,presto torno a trovarti.
Saluti

yari matta ha detto...

Quando ho "scoperto" il tuo spazio non credevo ai miei occhi!
Sei un raro esempio di denuncia intelligente.Ora vado a lezione,presto torno a trovarti.
Saluti